Lifting

  • beauty concept skin aging. anti-aging procedures, rejuvenation, lifting, tightening of facial skin, restoration of youthful skin anti-wrinkle

Cervico facciale – temporale – cervicale – del “terzo medio”

Il lifting Cervico-Facciale è il riposizionamento naturale dei muscoli e l’adattamento della pelle a livello di volto e collo. Il lifting cervico-facciale viene eseguito con maggiore frequenza per correggere chirurgicamente i segni dell’invecchiamento dalla regione delle tempie fino alla regione delle guance. L’obiettivo dell’intervento non è alterare la forma e l’aspetto del volto; al contrario, il semplice ripristino delle diverse strutture anatomiche del volto e del collo (pelle, muscolo, grasso) permette al paziente di ringiovanire l’aspetto.Lifting temporale (lifting del sopracciglio)
Questo tipo di lifting parziale ha lo scopo preciso di alzare le arcate sopracciliari in modo da dare maggiore visibilità agli occhi e rendere più espressivo ed interessante il primo terzo del viso. A differenza del lifting totale (lifting muscolo cutaneo del viso), il lifting temporale è localizzato e non ha l’obiettivo specifico di ringiovanire la zona d’intervento. Generalmente trova l’abbinamento ideale con la blefaroplastica, col fine di illuminare e svecchiare la zona degli occhi.Per molti anni il collo è stato la spia del tempo che, inesorabilmente, scorreva via. Per quanti sforzi si potessero fare per mantenere il volto tonico ed il corpo sodo, il collo manifestava comunque l’invecchiamento della persona.
Con il passare degli anni, le cellule ed i tessuti perdono progressivamente il loro tono e la loro elsaticita’ lasciando sulla pelle i caratteristici segni dell’invecchiamento: rughe, rilassamento cutaneo, comparsa del doppio mento, pelle in eccesso anche sul bordo della mandibola, ecc.
l problema ha trovato una soluzione, che negli ultimi anni è diventata di pratica comune. Il lifting del collo permette di rassodare il collo ed eliminare cedimenti e lassità cutanee di quest’area. Il lifting del collo può essere effettuato in diversi modi, in base alle esigenze del paziente. L’intervento può prevedere:
Liposuzione del collo – Lifting cervicale
Platismoplastica (pastic del platisma, il principale muscolo del collo)
Generalmente il lifting del collo inizia sempre con una liposuzione, indispensabile per rimuovere il grasso nella regione sotto mentoniera. Nel caso in cui la lassità cutanea sia marcata si esegue anche il lifting cervicale propriamente detto, che consiste nel rimuovere la pelle in eccesso mediante delle incisioni pre e retro auricolari. Infine, nel caso in cui le bande verticali sul collo siano molto evidenti, segno di una alterazione del Platisma, si esegue una plastica di questi muscoli.Il lifting del volto o lifting cervico-facciale, noto più comunemente come chirurgia di ringiovanimento del volto, è un intervento molto richiesto in chirurgia estetica. Il lifting del volto consente di conferire al viso un aspetto più giovanile migliorando l’estetica dell’intero volto senza però alterare la sua fisionomia.
Il lifting del terzo medio del volto, o Midface-lift, è un intervento chirurgico volto a contrastare la perdita di pienezza e di proiezione delle guance, sollevando e rimodellando i tessuti molli della regione zigomatica e facendo riacquistare al volto un aspetto giovanile e sano.
L’intervento di lifting della fronte e del sopracciglio permette di migliorare l’aspetto del volto sollevando le sopracciglia cadenti ed eliminando le rughe della parte superiore del viso e della fronte. Questa tecnica chirurgica permette inoltre di migliorare le rughe intorno alla regione perioculare, comunemente dette “zampe di gallina”. L’intervento consiste nel rimodellamento e riposizionamento dei muscoli della porzione superiore del volto, con conseguente risollevamento e distensione della cute della fronte.
La modifica di questa regione anatomica è un’operazione molto delicata e deve essere eseguita dal chirurgo con particolare attenzione, in quanto l’espressività della regione intorno alle sopracciglia è molto importante per determinare se una persona è affaticata, arrabbiata, depressa, contenta, giovane o vecchia.