Gluteoplastica

  • gluteo-plastico-con-protesi

L’ingrandimento dei glutei con protesi in silicone (gluteoplastica) è un intervento particolarmente popolare sui media, pur rappresentando una piccola parte delle procedure di chirurgia estetica effettuate ogni anno. A partire dal 1960 circa sono state sviluppate diverse tecniche per il posizionamento delle protesi glutee, che parzialmente rispecchiano l’evoluzione delle tecniche per l’ingrandimento del seno, e diversi tipi di protesi con forme e profili anch’essi concettualmente derivati dalle protesi mammarie. Con il progressivo aumento di diffusione della chirurgia estetica, la gluteoplastica diverrà un intervento meno inusuale, soprattutto in considerazione della frequente richiesta di trattamenti per il ringiovanimento dei glutei.In origine le protesi glutee erano costituite da blocchi in elastomero di silicone solido, che dovevano essere rimodellati dal chirurgo durante l’intervento per potersi adattare alle dimensioni del paziente. Le protesi glutee moderne sono invece in gel di silicone, generalmente di forma anatomica (ovoidale) e con guscio testurizzato. Sono anche disponibili protesi glutee in silicone con rivestimento in poliuretano, che hanno al momento una discreta popolarità. Alle protesi glutee è richiesta una notevole resistenza allo stress meccanico, e per questo motivo non è possibile utilizzare per l’ingrandimento dei glutei le normali protesi mammarie.